I love imaginepaolo!
Padre Pasquale
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Admin (del 12/12/2013 @ 13:45:00, in messaggi, linkato 1440 volte)
Il più piccolo è più grande (Mt 11)
Il Regno è vicino. E’ proprio lì a pochi centimetri da me, aspetta che io l’afferri. Fermati, chiudi gli occhi e fai un respiro profondo. Riaprili. E’ ancora lì. Non è più da cercare, semplicemente da accogliere. Ma allora perché continuo a cercarlo? Perché non ci credo?Ho paura. Basta un attimo, fidati. L’attimo che ci vuole per allargare le braccia e stringerci in un abbraccio, l’attimo di un bacio, l’attimo di una buona notizia sussurrata all’orecchio, l'atimo di una canzone dedicata. Forse tutta questa semplicità mi disorienta. No, non può essere vero… eppure Tu mi dici proprio questo: anche il più piccolo che ti ha accolto è diventato il più grande tra tutti i cercatori. Sì è proprio così. Ma come si fa ad accoglierTi? Ecco! Questo è il punto: forse non tanto una questione di fare ma prima di tutto di essere. Essere in ascolto. Non avere paura. Non temere. La speranza si compie nelle piccole cose. Non è da desiderare, da attendere..ma è già!!
 
Di Admin (del 31/01/2013 @ 19:43:28, in messaggi, linkato 1470 volte)
Abbiamo tutti provato la gioia di sentirci chiamare per nome, magari da qualcuno che è imporatnte per la nostra storia e la nostra vita.
Chissà che gioia.
Occorre imparare molti nomi, ma molto spesso è più comodo rimanere con i quattro amici che già conosciamo, senza mai ancdare oltre.
CHI-AMARE!!
Ma ci pensiamo mai che qualcuno sta aspettando solo che noi lo chiami-amo per nome per cambiare la propria vita?
Proprio come Zaccheo che si sente chiamare, con una voce piena di benvolenza e di accoglienza, senza giudizio.
 
Di Admin (del 24/11/2011 @ 16:59:47, in messaggi, linkato 1704 volte)
Ci avviamo verso il Natale, arriva la prima domenica di avvento.
La comunità tutta si unisce attorno alla Parola di Dio e alle proposte vissute in Comunità per preparare la nascita del Figlio di Dio, l'Emmanuele.
Vorrei rivolgere a tutti, piccoli e grandi, di non perdere questa occasione di Grazia che ci viene data.
Trasformiamo sempre più la quotidianità in possibilità di cambiamento, peché non si assopisca la mente e il cuore.
Quattro settimane perché impariamo sempre più ad essere e a restare svegli su di noi sulla nostra vita sulla nostra spiritualità. Un abbaccio a tutti.
Padre Pasquale
 
Di Admin (del 17/11/2011 @ 16:11:28, in messaggi, linkato 1620 volte)
Abbiamo ripreso il doposcuola alla locanda di Emmaus, e tutte le attività della parrochia e dell'oratorio. Manco da molto tempo sul blog, purtroppo facebook dà la possibilità di mandare messaggi in maniera più veloce.
Riprendiamo il nostro cammino con un video di Francesco sulla vita della nostra comunità. Vi voglio bene.

Aiutiamoci a fare bene il bene.

Padre Pasquale.
 
Di Admin (del 30/03/2011 @ 07:00:00, in messaggi, linkato 1183 volte)
Dal vangelo secondo Matteo 5, 17-19
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non pensate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non son venuto per abolire, ma per dare compimento.
Gesù dichiara con chiarezza che non è venuto sulla terra per abolire o smentire l’alleanza tra Dio e Israele, anzi è venuto per dare compimento alla Legge e ai Profeti. Gesù si pone in piena continuità con la storia della salvezza partita con Abramo, proseguita con Mosè culminata con l’incarnazione del Verbo.
La Legge non è abolita, ma ora siamo invitati a ritrovarla nella persona di Gesù. I consigli che ci dà attraverso il vangelo sono indissociabili dai comandamenti presenti nel vecchio testamento. Dunque in questo periodo di quaresima siamo invitati ad osservare, ancora di più, nella vita di tutti i giorni quei “suggerimenti”, che Dio ci ha dato, basati sull’amore.
 
Di Admin (del 29/03/2011 @ 07:00:00, in messaggi, linkato 1231 volte)
Dal vangelo secondo Matteo 18, 21-35
In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, quante volte dovrò perdonare al mio fratello, se pecca contro di me? Fino a sette volte?».
L’insegnamento odierno è chiaro, non si può fraintendere. Viene detto che è possibile perdonare e che si può rispondere con il bene al male ricevuto.
Facile a dirsi, ma a farsi … la rinuncia alla vendetta, alla punizione, a qualsiasi possibile rivalsa, certamente non nasce spontaneamente: può solo essere frutto di un grande sforzo, ma soprattutto di una profonda fi ducia nella volontà e nella misericordia di Dio. E’ difficile, ma è possibile riuscirci, con l’aiuto di Dio. Se prendiamo coscienza di quanto il Signore ha perdonato e continua a perdonare a noi, allora impariamo che anche noi possiamo perdonare a nostra volta.
Il perdono nella vita di un cristiano non deve rimanere ai margini ma deve essere posto al centro, accanto al primo comandamento: perdonare per amore.
 
Di Admin (del 24/03/2011 @ 07:00:00, in messaggi, linkato 1059 volte)
Dal vangelo secondo Luca 16, 19-31 ascolta sul blog
Lo sappiamo benissimo; pur con tutte le nostre fatiche, noi siamo ricchi. Abbiamo ricevuto l’amore di una famiglia, cultura, mezzi. Abbiamo tante “cose”, auto, telefonini, iPod, mentre attorno a noi interi popoli tentano di sfamarsi con le nostre briciole.
Ma perché noi siamo nati qui, e abbiamo avuto tutto quello che abbiamo e loro no? Perché? Per un cristiano rimane solamente un caso? Un privilegio? Perché il Signore dovrebbe avallare simili differenze? No!
La vita che abbiamo, la ricchezza che abbiamo, l’amore che abbiamo è una responsabilità, urgente! Se abbiamo le cose che abbiamo, se abbiamo la vita che abbiamo, è perché qualcuno ne ha bisogno, e con queste cose, con questa vita, Dio ci ha mandato ad amare! Abbiamo un cuore grande, come il Padre dei cieli.
 
Di Admin (del 22/03/2011 @ 07:00:00, in messaggi, linkato 978 volte)
Dal vangelo secondo Matteo. 23, 1-12
In questo brano del Vangelo, Gesù critica gli scribi e i farisei perché fanno tutto per essere visti e lodati: “Fanno tutte le loro opere per essere visti dagli uomini”.
Si preoccupano di recitare la parte dell’uomo pio e devoto più che di vivere un sincero rapporto con Dio. Talvolta anche noi, come gli scribi e i farisei, ci mettiamo sulla “cattedra”, tendendo ad apparire “più buoni e più bravi” di altri, magari perché più deboli, meno ricchi o meno potenti. Vivere da cristiani comporta l’essere umili, accoglienti, disponibili al perdono, all’ascolto.
In questa Quaresima impegnamoci ad essere parte di una Chiesa che sia una comunità di uguali, una fraternità che ha come criterio di discernimento il servizio. In essa esiste una diversità di ruoli e di responsabilità, che però devono essere svolti come servizio.
Questo stile ha come modello Gesù stesso, il quale è venuto per servire e ricordiamoci che “chi si esalterà sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato”.
E noi da che parte vogliamo stare?.
 
Di Admin (del 21/03/2011 @ 11:06:01, in messaggi, linkato 1150 volte)
Dal vangelo secondo Luca 6, 36-38
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Siate misericordiosi, come è misericordioso il Padre vostro. Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e vi sarà perdonato; date e vi sarà dato; una buona misura, pigiata, scossa e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con cui misurate, sarà misurato a voi in cambio».
Oggi Gesù ci chiama ad una vera conversione. La nostra prima idea di Dio è quella di un giudice supremo, che ci condanna e ci punisce. Tante volte Gesù ha spiegato che questo è un nostro idolo creato ad immagine dell’uomo e della sua cattiveria.
Il Dio di Gesù è invece un Padre che ci ama in modo viscerale e materno. Quante volte nella vita di tutti i giorni abbiamo l’occasione di applicare i comandamenti che oggi Gesù ci insegna? Anche se armati delle migliori intenzioni, spesso cadiamo in atteggiamenti giudicanti e condanniamo senza appello, serbiamo rancore verso altre persone e prima di dare calcoliamo cosa ne viene in cambio.
Anche all’interno delle nostre famiglie il clima può essere condizionato dai nostri atteggiamenti giudicanti, dall’orgoglio e dalle nostre pretese. Se invece il nostro approccio sarà ispirato alla misericordia di Dio, tutti gli altri atteggiamenti cambieranno.
 
Di Admin (del 14/03/2011 @ 10:14:07, in messaggi, linkato 898 volte)
Dal vangelo secondo Matteo 25,31-46
“Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere”. Quante volte ignoriamo la fame, la sete, il bisogno di sostegno e di vicinanza.
Quante volte non prestiamo la giusta attenzione a chi si fa parola del Signore. Quante volte abbiamo paura vedere nel volto dell’altro il volto di Cristo. Quante volte abbiamo paura di parlare di Cristo! Eppure Cristo è più vicino di quanto noi spesso pensiamo.
E lo possiamo incontrare nella quotidianità, ogni giorno in ogni piccolo gesto, con ogni persona che incontriamo. Il Vangelo di oggi ci ricorda che Cristo lo incontriamo non solo e non tanto nei “grandi gesti” e “nei grandi eventi”, ma molto più spesso nel modo con cui accogliamo chi ci sta vicino, il più debole, ogni volta che ci accorgiamo che chi ci sta vicino ha bisogno di noi.
 
Pagine: 1 2 3 4 5
Get the Flash Player
or click here to see this rotator.

PADRE PASQUALE
Parrocchia S. Maria del Pilar
Corso Resina, 319
80056 - Ercolano (Na)
Tel e Fax 081.739.11.72
mailto:info_at_padrepasquale.com

...e lo riconobbero allo spezzare del pane

Luca 24:31

dicembre,  2018
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Articolo (25)
Eventi (30)
fotografie (2)
Incontri (8)
messaggi (43)
Progetti (2)
Storia (1)
Video (24)

Catalogati per mese:
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Ho avuto modo di ascoltare la parol...
25/07/2010 @ 10:33:20
Di Castrorum
Ho avuto modo di ascoltare la parol...
25/07/2010 @ 10:32:30
Di Castrorum
sperando che l'aria di palinuro sia...
19/07/2010 @ 23:22:29
Di stefano de rosa
Ciao Padre Pasquale.. ne approfitti...
19/07/2010 @ 16:56:22
Di Luigi
Più passa il tempo e più si illumin...
19/07/2010 @ 10:12:27
Di Cira
QUANDO TI ALZI E TI SENTI DISTRUTTO...
09/07/2010 @ 19:15:35
Di cira
"Pregate il padrone della messe, ch...
06/07/2010 @ 19:51:24
Di scumbinati
queste parole mi hanno aiutato e mi...
05/07/2010 @ 11:13:29
Di padre pasquale
QUESTE PAROLE SONO DI DON LUIGI VER...
04/07/2010 @ 08:45:29
Di Clarissa
Grazie susy b. per le tue parole,il...
24/06/2010 @ 12:28:58
Di Giovanna D.
X Giovanna D.ciao cara,scusami se t...
21/06/2010 @ 19:34:26
Di susy b.
Caro padre Pasquale,mi chiamo Giova...
18/06/2010 @ 15:00:57
Di Giovanna D.
Caro padre Pasquale,come ad ogni no...
09/06/2010 @ 10:30:13
Di anna Rita
I momenti più bui sono quelli che c...
08/06/2010 @ 22:54:35
Di monica
Se nn ci fossero i periodi bui, com...
08/06/2010 @ 14:48:43
Di susy b.
Amare, sperare e poi credere fino a...
07/06/2010 @ 19:58:45
Di Peppe Izzo
sono convinta che nella vita c'è ch...
07/06/2010 @ 14:45:18
Di Pina
Io prego affinchè tu possa avere se...
07/06/2010 @ 14:32:03
Di Colly
in ogni momento buio della mia vita...
07/06/2010 @ 11:35:52
Di michela
è proprio vero, nei periodi bui, no...
07/06/2010 @ 11:13:57
Di Antonello D'Amore

Titolo
Ti piace questo blog?

 Fantastico!
 Carino...
 Così e così
 moltissimo
 poco


Ci sono 32 persone collegate

Titolo
Bianco e nero (1)

Le fotografie più cliccate

Titolo





15/12/2018 @ 18:58:34
script eseguito in 67 ms